in

Catene di fast food depositano domande di marchio per NFT e altre funzionalità di Web3

  • Famose aziende di fast food depositano domande di marchio per il loro nome e logo.
  • Ciò include Dunkin, KFC, Hooters, PizzaHut e Taco Bell.
  • Il marchio offre a queste società NFT, metaverse per ristoranti virtuali e altre funzionalità online.

Con la proliferazione del regno della meta-blockchain, molte aziende, ristoranti e altre società stanno prenotando il loro futuro nel mondo NFT. In particolare, aziende di fast food come Dunkin, Hooters, KFC, Pizza Hut e Taco Bell hanno depositato domande di marchio per il loro nome e logo.

Mike Kondoudis, avvocato specializzato in marchi con licenza USPTO, ha twittato queste informazioni sui nuovi aggiornamenti di ciascuna azienda di fast food.

In dettaglio, tutte queste catene di fast food si sono attrezzate per ottenere marchi per cibi e bevande virtuali, NFT, contenuti multimediali supportati da NFT, negozi online per beni virtuali e ristoranti virtuali con “beni reali e virtuali”.

Inoltre, a seguito della domanda di marchio, tutte queste catene di fast food hanno ricevuto il diritto di vendere i propri prodotti per ciascuna delle funzionalità di Web3.

Dunkin ha depositato due domande di marchio per il suo nome e logo. Specifico per cibo virtuale, servizi di intrattenimento, prodotti alimentari virtuali non scaricabili, regali virtuali, contenuti di realtà mista, dati, ecc.

Hooters ha anche depositato domande di marchio, in particolare per servizi di vendita al dettaglio online, file multimediali scaricabili contenenti grafica, audio di testo, file video e NFT.

Nel frattempo, anche Pizza Hut, KFC e Taco Bell hanno ricevuto marchi con codici per il diritto di fare servizi online, videogiochi online, carte fedeltà scaricabili e molti altri servizi blockchain online.

Written by Madalin

Lascia un commento

GIPHY App Key not set. Please check settings

    OraiDEX di Oraichain viene presentato, include meta-staking e molto altro

    Vanuatu annuncia il supporto per il progetto comunitario dell’isola di Satoshi