in

Il direttore della Banca centrale del Brasile Il governo degli Stati saprà “tutto ciò che hai in Bitcoin”

Mauricio Moura, attuale direttore della Banca centrale del Brasile, ha dichiarato che l’anonimato non sarà una scelta quando si effettuano transazioni di criptovaluta nel paese. Il rappresentante ha affermato che, prima o poi, tutti gli utenti avrebbero identificato le loro transazioni dal governo. Questi commenti sono arrivati ​​in occasione di un evento promosso dall’Istituto dei professionisti per la prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo.

Banca centrale del Brasile: “L’anonimato non sarà un’opzione”

Mauricio Moura, direttore delle relazioni di cittadinanza e supervisione della condotta per la Banca centrale del Brasile, ha dichiarato che il prossimo regolamento potrebbe vietare l’anonimato nelle transazioni di criptovaluta effettuate nel paese. Moura ha dichiarato che la banca centrale sta attualmente elaborando modi per raggiungere questo obiettivo insieme alla Commissione per i titoli brasiliana. Ha dichiarato:

Non posso dire molto. Ma i nomi di coloro che sono coinvolti nelle operazioni di criptovaluta saranno noti end-to-end. Posso dire che l’anonimato non sarà un’opzione.

Attualmente, tutte le borse e le società in Brasile devono segnalare le loro operazioni e le operazioni dei loro clienti al regolatore. Ma alcune di queste aziende ancora non rispettano questo mandato. Moura non ha specificato come la banca avrebbe raggiunto l’obiettivo pianificato.

Regolamento cripto in arrivo

Il Brasile è in procinto di emettere un sistema normativo completo per le attività di criptovaluta e la Banca centrale del Brasile è inclusa nelle istituzioni che hanno voce in capitolo in questo processo. A giugno è stato presentato al Congresso un progetto di legge che propone un periodo fisso per stabilire i regolamenti sulle criptovalute. Mentre è ancora in attesa di approvazione, darebbe al governo 180 giorni per proporre e approvare un sistema per regolare e tassare le criptovalute come le normali transazioni bancarie.

Ce n’è un altro commissione che attualmente si sta concentrando direttamente sulla regolamentazione delle criptovalute alla Camera dei Deputati. Tuttavia, anche con tutte queste istituzioni che cercano di regolamentare le criptovalute, il mercato continua a crescere e sempre più aziende stanno integrando soluzioni relative alle criptovalute nelle loro operazioni.

È il caso di Visa, che ha recentemente annunciato che integrerà soluzioni di criptovaluta con le banche tradizionali. Ma, cosa ancora più importante, il vicepresidente delle nuove attività in Brasile ha dichiarato che la società testerà i pagamenti diretti in bitcoin quest’anno. Ciò suggerisce che la regolamentazione non sta spaventando i grandi giocatori ancora interessati a entrare nel mercato delle criptovalute o a incorporare criptovalute nelle piattaforme esistenti.

Cosa ne pensi della posizione sulle transazioni di criptovaluta che ha preso la Banca Centrale del Brasile? Dicci nella sezione commenti qui sotto.

Crediti immagine: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non si tratta di un’offerta diretta o di una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, né una raccomandazione o approvazione di prodotti, servizi o società. NotizieCrypto.it non fornisce consulenza in materia di investimenti, fiscali, legali o contabili. Né la società né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per qualsiasi danno o perdita causati o presumibilmente causati da o in connessione con l’uso o l’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Written by Macesanu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ethair Market Is Taking on Amazon and eBay in a Move to Revolutionize the World of E-Commerce

Ethair Market sta affrontando Amazon ed eBay in una mossa per rivoluzionare il mondo dell’e-commerce

Presidente della Commissione per i crimini economici della Nigeria: la crescita delle criptovalute è un “pericolo molto più grande per l’economia mondiale”