in

L’Abkhazia estende le restrizioni di Internet per i minatori di criptovaluta

Il governo dell’Abkhazia ha esteso un’ordinanza che vieta l’accesso ai siti Internet utilizzati dai minatori di criptovalute. La misura fa parte di un più ampio divieto di attività legate all’estrazione di monete digitali che limita anche l’uso di elettricità e le importazioni di attrezzature minerarie nella repubblica separatista georgiana.

Le autorità in Abkhazia confermano il divieto dei siti web necessari ai minatori locali

Il watchdog delle telecomunicazioni e dei media dell’Abkhazia ha esteso le restrizioni su Internet che interessano le operazioni di mining di criptovalute nel paese. Secondo un’ordinanza emessa dal Comitato statale per le comunicazioni, i mass media e lo sviluppo digitale, l’accesso a determinati siti Web utilizzati dai minatori rimane vietato fino al 31 marzo 2022. Il divieto iniziale adottato a fine dicembre è scaduto il 1 giugno di quest’anno.

Secondo il documento emesso il 6 ottobre, i provider di Internet sono tenuti ad attuare le misure tecniche necessarie per bloccare i siti Web che consentono ai minatori di svolgere le loro attività di conio di monete, ha riferito Forklog citando il ordine. Tuttavia, l’agenzia governativa non ha elencato i nomi di dominio dei siti che dovrebbero essere soggetti a restrizioni.

Parlando con Sputnik Radio, il presidente del comitato, Beslan Khalvash, ha notato che il nuovo ordine che ha firmato si applica anche ai servizi VPN. Ha spiegato che il regolatore era solito agire contro domini e indirizzi IP, ma poiché alcuni utenti sono passati alle VPN. Anche queste piattaforme saranno prese di mira in futuro. Il funzionario ha rifiutato di commentare in dettaglio come è stato aggirato il divieto, ma ha insistito:

Nella lotta al mining, stiamo raggiungendo un livello completamente diverso.

Khalvash ha sottolineato che i provider Internet in Abkhazia sono ora tecnicamente preparati a limitare l’accesso sia ai siti Internet che alle VPN. Le aziende hanno già acquisito le attrezzature e il software necessari per farlo. Il capo del watchdog ha assicurato: “Penso che domani o dopodomani inizieremo a chiudere queste VPN”.

L’Abkhazia, uno stato de facto parzialmente riconosciuto nel Caucaso meridionale, ha introdotto un divieto temporaneo sulle attività minerarie nel 2018 e lo ha esteso questa primavera fino al 31 marzo 2022. Ma i funzionari di Sukhumi hanno recentemente riconosciuto che i loro sforzi per imporre le restrizioni in tutta la regione hanno si è ampiamente dimostrato fallimentare.

Nonostante il sequestro di 6.000 dispositivi di mining, le autorità non sono riuscite a interrompere il mining di criptovalute, che si è rivelato una fonte di reddito alternativa per molti nel paese. A settembre, il governo di Sukhumi ha riconosciuto che 30.000 piattaforme minerarie rimangono nelle mani dei minatori, accusati di esacerbare la carenza di energia nella regione.

L'Abkhazia estende le restrizioni di Internet per i minatori di criptovaluta

Tuttavia, Beslan Khalvash ha insistito sul fatto che le restrizioni di Internet imposte lo scorso anno hanno permesso all’Abkhazia di risparmiare molta energia elettrica. “La decisione era giustificata. Sono sicuro che anche l’estensione di quell’ordine e la chiusura delle VPN avranno qualche effetto… Penso che questo ordine fornirà anche un’opportunità per risparmiare elettricità”, ha affermato.

Questo, ovviamente, non è affatto così sicuro. Lo stesso Khalvash ha ammesso che ci sono grandi fattorie di criptovalute in Abkhazia che possono permettersi di evitare di utilizzare i servizi dei provider Internet locali. “Possono prendere Internet dal satellite”, ha ammesso.

All’inizio di quest’anno, i rapporti hanno rivelato che l’Abkhazia sta tenendo colloqui con il suo principale sostenitore, la Russia, per risolvere il problema del suo deficit di elettricità. Il ministro dell’Economia Christina Ozgan ha affermato che le autorità intendono organizzare ulteriori forniture dalla Federazione Russa. Inoltre, ha aggiunto che vogliono persino creare strutture in cui i minatori possano installare le loro apparecchiature e connettersi legalmente alla rete.

Pensi che le autorità in Abkhazia saranno in grado di frenare il mining di criptovalute? Dicci nella sezione commenti qui sotto.

Tag in questa storia

Abkhazia, agenzia, divieto, comitato, Cripto, fattorie di criptovalute, minatori di criptovalute, mining di criptovalute, criptovalute, criptovaluta, nomi di dominio, domini, estensione, Georgia, Internet, provider di servizi Internet, minatori, estrazione, regolatore, restrizioni, Russia, siti, telecomunicazioni , watchdog, siti web

Crediti immagine: Shutterstock, Pixabay, Wiki Commons

Disclaimer: Questo articolo è solo a scopo informativo. Non è un’offerta diretta o una sollecitazione di un’offerta di acquisto o vendita, né una raccomandazione o approvazione di prodotti, servizi o società. NotizieCrypto.it non fornisce consulenza in materia di investimenti, fiscali, legali o contabili. Né la società né l’autore sono responsabili, direttamente o indirettamente, per eventuali danni o perdite causati o presumibilmente causati da o in connessione con l’uso o l’affidamento su qualsiasi contenuto, bene o servizio menzionato in questo articolo.

Written by Macesanu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il CEO di Genesis, Michael Moro, pensa che gli errori tengano le istituzioni lontane dalla Defi

DRepublic lancia la piattaforma NFT combinabile, “MetaCore” utilizzando EIP-3664