in

Le incursioni vaticane nell’NFTS con la Galleria d’Arte Virtuale e il Museo

    • Il Vaticano ha deciso di democratizzare l’arte aprendo un museo d’arte NFT.
    • A questo progetto lavoreranno una startup VR chiamata Sensorium e Humanity 2.0, una ONG vaticana.
    • La galleria sarà accessibile tramite cuffie per realtà virtuale e computer desktop entro la fine del 2022.

Il Vaticano ha annunciato il rilascio di una galleria d’arte o museo virtuale, non fungibile (NFT), dove le persone rimarranno meravigliate dalla collezione di opere d’arte, dipinti e manoscritti divini. La galleria, che sarà accessibile tramite cuffie per realtà virtuale e computer desktop, dovrebbe aprire entro la fine del 2022.

Questa impresa del Vaticano è stata in associazione con una startup di realtà virtuale chiamata Sensorium and Humanity 2.0, una ONG supportata dal Vaticano.

Sensorium, uno dei principali sviluppatori del metaverso coinvolto nelle soluzioni VR e NFT, ha dichiarato su un blogpost che insieme alla Fondazione Humanity 2.0 svilupperanno… la prima galleria VR e NFT nel suo genere per soddisfare l’arte e il contenuto accademico del Vaticano.

Il Vaticano ha pianificato di democratizzare l’arte sotto la guida di padre Philip Larrey, che detiene la cattedra di logica ed epistemologia presso la Pontificia Università Lateranense in Vaticano.

Padre Larrey ha dichiarato:

Non vediamo l’ora di lavorare con Sensorium per esplorare modi per democratizzare l’arte, rendendola più ampiamente disponibile alle persone di tutto il mondo, indipendentemente dai loro limiti socio-economici e geografici,

Padre Larrey ha inoltre aggiunto che questa nuova collaborazione con Sensorium contribuirà a promuovere il loro obiettivo e fornirà loro soluzioni tecniche avanzate.

Alcuni degli oggetti d’arte e antichità più squisiti del mondo sono conservati in Vaticano. I Musei Vaticani furono fondati nel XVI secolo e possiedono oltre 800 opere d’arte. Includono opere di pittori rinascimentali come Michelangelo e Raffaello; e più opere contemporanee di Wassily Kandinsky e Vincent van Gogh.

Il Vaticano deve ancora decidere se la raccolta vaticana di risorse digitali sarà disponibile per l’acquisto come NFT o quando.

Molte organizzazioni sono entrate nel metaverso investendo attivamente in blockchain e NFT. Dallo scoppio del Covid e dai conseguenti blocchi, le aziende si sono concentrate sulla propria impronta digitale e sulla presenza su Internet e il Vaticano ha seguito l’esempio.

Written by Madalin

Lascia un commento

GIPHY App Key not set. Please check settings

    Il volume settimanale di Ethereum Classic diminuisce mentre il prezzo si consolida

    Il prezzo dell’AAVE aumenta del 9,41% nelle ultime 24 ore, per recuperare quotidianamente